L’anno che verrà

Condividi su

di Tommaso Nannicini

Il 2020 è stato un anno terribile, duro, in cui una pandemia ha generato ansie e fragilità economiche, conficcando ferite profonde nel nostro cuore, individuale e collettivo. Ferite che faranno fatica a cicatrizzarsi: persone che se ne sono andate senza un saluto; sogni, lavori e investimenti che rischiano di non avere un futuro; bambine e bambini che hanno perso conoscenze e socialità fondamentali per crescere; disuguaglianze già intollerabili che si sono allargate; la solitudine di chi non aveva un tetto dove dormire e si è ritrovato anche senza un sorriso da incrociare; la solitudine di persone con disabilità che hanno subito la violenza dell’isolamento; la solitudine di chi non sa quanti anni avrà ancora per recuperare quegli abbracci che ti fanno sentire vivo, per recuperare quel senso di essere ancora utile al mondo trasferendo amore e conoscenze alle generazioni che sono arrivate dopo di te.