Cittadini d’Italia

La storia dei popoli è una storia di migrazioni e, anche se ultimamente hanno voluto farci credere il contrario, in Italia le barche sono sempre arrivate, e da ogni dove. Noi non abbiamo dubbi sul fatto che pagare tutti i propri averi per intraprendere un viaggio in mare verso l’ignoto sia frutto di una disperazione mista a speranza, ed è quella speranza che vogliamo realizzare, coltivandola ogni giorno, attraverso un percorso che accompagni chi arriva ad un inserimento pieno e congeniale ad una sua indipendenza. Non abbiamo dubbi nemmeno sul fatto che chi nasce in Italia è italiano, e siamo stanchi di assistere a dibattiti vuoti di contenuti e fini a se stessi. Bisogna stabilire un principio chiaro e univoco: chi nasce in Italia è italiano, e tanto basta per avere gli stessi diritti degli altri. Le varie proposte hanno un denominatore comune: la negazione, quasi sempre implicita, dello ius soli. È il momento di nuovi percorsi. È il momento di Volare alto.

Ti potrebbero interessare:

Siamo Dalla parte giusta della storia, per una riforma della legge sulla cittadinanza

Purtroppo no, non è cambiato ancora nulla. Ci sono milioni di bambini e ragazzi che sono nati e che nascono in Italia, ma non sono italiani. Nemmeno se lo sono i loro compagni di banco, di squadra, nemmeno se ad istruirli ci pensa la stessa persona. Tante, tantissime le leggi discusse finora, e poi hanno un denominatore comune: l’assenza dello ius soli. Si parla di ius culturae, si parla di reddito, insomma, non si sente parlare di diritti. Per noi i diritti si acquisiscono alla nascita e ogni cittadino ha uguali diritti e uguali doveri rispetto alla comunità. È a scuola che si combattono le disuguaglianze, non che si creano. Sono italiani anche coloro che qui sono arrivati per salvarsi, riscattarsi, mettere su famiglia, lavorare. Se è la Costituzione a riconoscere l’esistenza di alcuni ostacoli, non vediamo perché crearne degli altri.

Il primo luglio è nata la Rete per la riforma della cittadinanza, e ci siamo vestiti di giallo per il lancio. Chiediamo una riforma seria, che spazzi via le narrazioni distorte degli ultimi anni e che parli di uguaglianza.

Storie, persone

Migrare è un verbo che nasce insieme agli esseri umani. Il soggetto sono tutte le popolazioni che hanno calcato questa Terra – in periodi e contesti differenti – spinti da guerre, carestie, ricerca di condizioni di vita migliori per sé stessi e la propria famiglia. Nel Mediterraneo le popolazioni migrando hanno creato un ricchissimo intreccio di culture e l’Italia ne è uno dei Paesi simbolo. Il divario economico tra l’Europa ed i paesi in via di sviluppo, i cambiamenti climatici e le pressioni demografiche non faranno che aumentare i flussi di migranti che cercheranno di raggiungere il vecchio continente. Per la sua posizione geografica e la sua storia l’Italia continuerà ad essere terra d’approdo e di passaggio di migranti. Ecco perché è importantissimo rivolgere l’attenzione a come gestire al meglio i flussi migratori e a come mettere in atto politiche di integrazione efficaci. Per fare questo aiutiamoci fermando lo sguardo sui nostri ultimi 30 anni. Anche se l’immigrazione verso l’Italia era già iniziata da alcuni anni, è con le navi stracolme di albanesi arrivate in Puglia quasi 30 anni fa che ci siamo accorti di non essere più solo un paese da cui si partiva. Guardiamo quindi queste persone e altre arrivate negli anni successivi. Ascoltiamo le loro storie. Com’è oggi la loro vita in Italia? Com’è stato “integrarsi”? All’arrivo erano guardati con sorpresa, e via via che la destra ha individuato in loro un mezzo per galvanizzare consensi elettorali, con paura. Oggi li chiamiamo “nuovi italiani” perché stanno acquistando sempre più spesso la cittadinanza ma soprattutto perché si sentono parte di questo Paese. Sono le persone con cui intrecciamo in mille modi la quotidianità, le nostre vite, le persone insieme alle quali formiamo la società italiana. Non solo. I nuovi italiani questa società l’hanno cambiata. Come? Integrandosi. Non esiste un’integrazione univoca, si tratta di un processo e mentre avviene c’è sempre qualcosa del nuovo arrivato che diventa parte di te. Per questo gli altri grandi protagonisti del processo d’integrazione dei migranti in Italia sono gli italiani stessi. Ogni storia di integrazione è una storia di incontri, lunghi dialoghi per superare le incomprensioni, barriere abbattute seppure con difficoltà, rapporti costruiti negli anni. L’integrazione è un patrimonio comune, che ci appartiene e di cui dobbiamo essere orgogliosi. Un patrimonio da custodire e valorizzare, dove è continuamente necessario intervenire per sistemazioni e migliorie, come facciamo con il nostro patrimonio culturale. C’è una prima condizione da superare per chi arriva in Italia ed è quella di “regolarizzarsi”: un cambiamento di condizione burocratica i cui risvolti legali rappresentano un cambiamento di vita dalla notte al giorno. Con i flussi di immigrazione regolare bloccati, l’unico modo per arrivare in Italia è su mezzi di fortuna, sfidando il mare e gli altri tipi di confine. Per questo una persona su due tra gli immigrati arrivati qui negli ultimi 30 anni lo ha fatto da irregolare e ha dovuto in seguito regolarizzarsi per poter iniziare alla luce del sole il suo percorso di vita in questa società. Permettere ai migranti che sono qui di diventare regolari è fondamentale per favorire l’integrazione, fermare ogni tipo di devianza, togliere i più deboli dalle grinfie della criminalità organizzata e del caporalato. Oggi che siamo nuovamente dentro un processo di regolarizzazione – anche se purtroppo parziale e non così incisivo quanto sarebbe stato necessario – è importante ascoltare le storie di chi questa storia l’ha già vissuta.  Come quella di Al Hassan, che ha lasciato la sua casa in Sierra Leone a causa della guerra e oggi si mette a disposizione dei più bisognosi, tra cui molti italiani che frequentano l’oratorio di Formia dove lavora. La riconoscenza verso gli italiani è sentita da tutti, ognuno a modo suo. Abdullahi, del Gambia, dice grazie innanzitutto alla Guardia Costiera italiana che lo ha salvato in mezzo al mare. Prima di affrontare il mare lui e Al Hassan sono passati dalla Libia. Di quell’inferno rifiutano di parlare, significherebbe evocare ricordi troppo dolorosi per essere condivisi con altri. Mentre la decisione di affrontare il viaggio da irregolari pesa ancora oggi, – anche se sono passati oltre vent’anni – come nel caso di Ermir. Il fatto che molti altri connazionali immigrassero allo stesso modo non è abbastanza per sentirsi a posto, la mente va continuamente a quell’altra possibilità, desiderata ma inesistente: l’immigrazione regolare. È questa la finestra che dobbiamo aprire con coraggio, affrontando il dibattito pubblico con realismo, serietà e impegno a difesa dei diritti umani. L’obiettivo è far capire i benefici che derivano per l’Italia da flussi regolari e integrazione – che significano anche blocco di molti trafficanti di essere umani e delle traversate in mare –  portando questa visione a diventare maggioritaria nel Paese. Per tutte le persone intervistate l’inserimento nella società italiana e l’approdo a una piena cittadinanza è passato attraverso la formazione professionale e lo studio della lingua, attività da rendere centrali per un’efficace politica pubblica di integrazione. Purtroppo con i Decreti Salvini i fondi per l’integrazione sono stati tagliati di netto, lasciando sole le associazioni della società civile che svolgono da decenni il prezioso ruolo di accompagnamento all’integrazione. Sempre più spesso nelle associazioni troviamo “nuovi italiani”, persone che decidono di aiutare chi sta vivendo lo stesso processo da cui loro sono già passati. Lo racconta Aurelia, che fa la mediatrice culturale e ascolta ogni giorno le difficoltà di chi non ha un permesso di soggiorno, quel documento che “può sembrare una parola ma è una grande cosa”, come sintetizza Ervin, sbarcato come minore non accompagnato nel 1991 e oggi padre di due figli che sono cittadini italiani. Regolarizzare significa dare voce e diritti agli invisibili. Lo sottolinea anche Mimoza, che invisibile lo è stata per quattro anni, fino a quando è diventato possibile regolarizzarsi con la sanatoria del 1996. Le persone arrivate in Italia da immigrate sono molte. Quasi tutte sono pronte a condividere la propria esperienza di integrazione, così come sono disposti a farlo molti italiani che ne sono stati parte. Sta a noi ascoltarli e fare tesoro di questo vissuto comune per trasformare le buone pratiche di cui è ricca l’Italia in efficaci politiche pubbliche.


Riproduci video

Abdullahi

Apprendista meccanico di giorno, studente di scuola superiore la sera. Sogno nel cassetto: andare all’università e diventare infermiere. Salvato dalla Guardia Costiera italiana in mezzo al mare.


Riproduci video

Al Hassan

Mediatore culturale e studente di scuola superiore. Il suo sogno è creare una onlus che tenda una mano agli italiani che hanno bisogno di aiuto. Ha lasciato la sua casa in Sierra Leone a causa della guerra.


Riproduci video

Aurelia

Mediatrice culturale. In Italia da 18 anni e soddisfatta. Il permesso di soggiorno le ha cambiato la vita. Ora è cittadina italiana.


Riproduci video

Ermir

Dopo il permesso di soggiorno ha potuto lavorare e studiare. Ha completato le scuole superiori e l’università. Lavora come consulente in uno studio legale. Ex clandestino.


Riproduci video

Mimoza

Regolarizzata con la sanatoria del 1996. Si è Laureata in scienze politiche. Lavora nella ristorazione. Dice: “Con la regolarizzazione si dà un duro colpo ai trafficanti di vite umane”.


Riproduci video

Ervin

Sbarcato in Italia come minore non accompagnato all’età di 15 anni. Accolto dai salesiani. Ora è manovale di officina. Ha due bambini che sono cittadini italiani. Con il permesso di soggiorno ha potuto lavorare e studiare.


Riproduci video

Shpendi

Sbarcato in Italia con un gommone nel ‘94, è finito a Caserta. Il suo diploma di geometra non era riconosciuto. Ha lavorato in agricoltura e raccolto tabacco per mantenere la famiglia in Albania. Ora è un imprenditore edile. La sua famiglia ha potuto raggiungerlo nel 2006.